Questo sito web utilizza cookie tecnici necessari per il corretto funzionamento delle pagine; NON sono utilizzati cookie di profilazione finalizzati all'invio di messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente nell'ambito della navigazione in Rete. Il sito web consente l'invio di cookie di terze parti (tramite i social network). Accedi all'informativa estesa, per leggere le informazioni sull'uso dei cookie e su come scegliere quale cookie autorizzare. Cliccando sul tasto OK o proseguendo nella navigazione, si acconsente all'uso dei cookie.

Scadenza del 31/03/2016 - Pubblicazione della Relazione sulla Razionalizzazione delle Società e delle partecipazioni societarie

on .

Come previsto dalla L. 190 del 23.12.2014, art. 1, commi 611-614, lo scorso anno, entro il 31 marzo 2015 (Leggi Newsletter), tutte le PA che possedevano società partecipate o partecipazioni societarie, direttamente o anche indirettamente, dovevano avviare un processo di razionalizzazione per ridurre le società partecipate (da completarsi entro il 31 dicembre 2015).

Entro il 31 marzo 2016, le PA devono predisporre una  relazione  sui  risultati conseguiti, che deve essere trasmessa alla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti e pubblicata nel Sito Internet Istituzionale dell'amministrazione interessata.

La pubblicazione  del piano e della relazione costituisce obbligo di pubblicità,  ai  sensi del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.

Riferimenti normativi

L. 190 del 23.12.2014, art. 1, commi 611-614 >>

Art. 612. I presidenti delle regioni e delle province autonome di Trento e di Bolzano, i presidenti delle province,  i  sindaci  e  gli  altri organi di vertice delle amministrazioni  di  cui  al  comma  611,  in relazione  ai  rispettivi  ambiti  di   competenza,   definiscono   e approvano,  entro  il  31  marzo  2015,   un   piano   operativo   di razionalizzazione delle societa' e  delle  partecipazioni  societarie direttamente o indirettamente possedute, le modalita' e  i  tempi  di attuazione,  nonche'  l'esposizione  in  dettaglio  dei  risparmi  da conseguire. Tale piano, corredato di un'apposita  relazione  tecnica, e' trasmesso alla competente sezione  regionale  di  controllo  della Corte  dei  conti  e  pubblicato  nel  sito  internet   istituzionale dell'amministrazione interessata. Entro il 31 marzo 2016, gli  organi di cui al primo periodo predispongono  una  relazione  sui  risultati conseguiti, che e' trasmessa alla  competente  sezione  regionale  di controllo della Corte  dei  conti  e  pubblicata  nel  sito  internet istituzionale dell'amministrazione interessata. La pubblicazione  del piano e della relazione costituisce obbligo di pubblicita'  ai  sensi del decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33.