Supporto Clienti

Bilancio 2024

Webinar - Quanto tempo impieghi per redigere un bilancio? Genya Bilancio lavora per te

Siamo lieti di invitarvi al Webinar 

QUANTO TEMPO IMPIEGHI PER REDIGERE UN BILANCIO?

GENYA BILANCIO LAVORA PER TE

che si svolgerà:

  • mercoledì 21 fabbraio p.v. dalle ore 11:00 alle ore 12:00

Relatori Ilaria Bruno e Sara Iorio

.... in replica

  • mercoledì 13 marzo p.v. dalle ore 11:00 alle ore 12:00

Relatori Ilaria Bruno Silvia Di Fazio

  • mercoledì 27 marzo p.v. dalle ore 11:00 alle ore 12:00

Relatori Ilaria Bruno e Sara Iorio

Genya è la soluzione che grazie ai flussi di lavoro e ai ricchi automatismi ti permette di redigere il bilancio in pochi minuti.

  • Genya Bilancio: i vantaggi della soluzione
  • Funzionalità principali
  • Flusso operativo
  • Cenni su Genya CFO: analisi di bilancio e adeguamenti assetti organizzativi
  • Ultimi chiarimenti e novità interpretative

Per le modalità di accesso al Webinar e per il collegamento scarica la Brochure allegata.

L'evento è gratuito. Sarà possibile collegarsi "live" 15 minuti prima dell'inizio. Prenota il tuo posto.

Bilancio 2024

Webinar - Legge di Bilancio 2024 e novità della Riforma Fiscale

Siamo lieti di invitarvi al Webinar 

WEBINAR LEGGE DI BILANCIO 2024

E NOVITA' DELLA RIFORMA FISCALE

che si svolgerà:

  • giovedì 8 fabbraio dalle ore 15:00 alle ore 17:00

Relatori Mauro Nicola (Dottore Commercialista e Revisore Legale in Novara)

Tutte le novità viste, commentate e approfondite con l'esperto:.

  • Novità tassazione immobiliare
  • La rottamazione del magazzino
  • Altre novità fiscali 2024
  • Maxi deduzione nuove assunzioni per il 2024 e abrogazione ACE
  • Ultimi chiarimenti e novità interpretative

Per le modalità di accesso al Webinar e per il collegamento scarica la Brochure allegata.

Webinar - Crisi d'impresa: contesto normativo e strumenti per la prevenzione

Webinar - Crisi d'impresa: contesto normativo e strumenti per la prevenzione

Siamo lieti di invitarvi al Webinar 

WEBINAR CRISI D'IMPRESA

CONTESTO NORMATIVO E STRUMENTI PER LA PREVENZIONE

che si svolgerà:

  • lunedì 5 fabbraio dalle ore 15:00 alle ore 17:00

Relatori Nicola Sciarra (Vicepresidente Commissione Informatica & Qualità dell'Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Roma);. Simone Maria d'Arcangelo (Dottore Commercialista e Revisore Legale)

L'entrata in vigore del nuovo Codice della Crisi e della Insolvenza impone all'imprenditore di dotarsi di adeguati assetti organizzativi, amministrativi e contabili, idonei e finalizzati, appunto, a rilevare tempestivamente i " sintomi " di crisi ed insolvenza ed a scongiurare il potenziale verificarsi delle stesse.

  • Contesto normativo - Art. 2086 C.c. - Art. 3 D.lgs 14/2019 - Art. 6 D.lgs 231/2001
  • Modelli di gestione - compilance art. 2086 C.c. e D.lgs 231/2011
  • Risk Management nella gestione d'impresa
  • Modelli di Gestione Organizzativi Amministrativi e Contabili
  • Strumenti per la prevenzione della Crisi d'Impresa
  • Q&A

Per le modalità di accesso al Webinar e per il collegamento scarica la Brochure allegata.

Consegna fatture "a cavallo d'anno"

Con la presente desideriamo fornire alcune indicazioni pratiche su come consegnare, da Fattura SMART o dal portale Fatture&Corrispettivi, consegne distinte per:

  • fatture d'acquisto aventi data documento del 2023 consegnate nel 2023;
  • fatture d'acquisto aventi data documento del 2023 consegnate nel 2024;
  • fatture aventi data documento nel 2024.

La prima tipologia dovrà essere inserita in una specifica consegna che dovrà essere importata selezionando l'esercizio 2023 nell'Importatore Fatture.

La seconda e la terza tipologia dovranno essere inserite in una diversa consegna che dovrà essere importata selezionando l'esercizio 2024 nell'Importatore Fatture.

Ricordiamo infatti che le fatture di acquisto datate 2023 e ricevute nel 2024 (data di consegna SdI), in base all'attuale formulazione dell'art. 25 del D.P.R. 633/1972, devono essere registrate nel mese di gennaio 2024 e liquidate nel primo periodo di liquidazione del 2024.

Non risulta infatti possibile computare queste fatture nel mese di dicembre 2023 e neppure computarle nella dichiarazione IVA 2024 (riferita al 2023), in quanto non si tratta di "fatture dimenticate".

Ne consegue, quindi, che l’utilizzo della funzione “IVA p/p”, competenza IVA periodo precedente, risulta inibita nel primo periodo di liquidazione del 2020 (gennaio se la liquidazione è mensile, primo trimestre se la liquidazione è trimestrale).

Il suggerimento operativo è quindi quello di

CREARE CONSEGNE SEPARATE PER LE FATTURE D’ACQUISTO RICEVUTE NEL 2023 RISPETTO A QUELLE RICEVUTE NEL 2024.

 

Fatture a "cavallo d'anno 2023/2024"

L'IVA SULLE FATTURE di DICEMBRE 2023

RICEVUTE A GENNAIO 2024

E' DETRAIBILE A GENNAIO 2024

 

Ci preme chiarire quanto segue, sottolineando che la procedura B.Point SP risponde alle disposizioni IVA in vigore sino ad oggi:

Con l’approssimarsi della fine dell’anno 2023, è opportuno ...

  • tenere in considerazione la nuova regola in materia di detraibilità dell’Iva contenuta nelle fatture di acquisto datate 2023 ma consegnate (tramite Sdi) nel 2024

A tale proposito è bene ricordare:

Durante l’anno, è possibile detrarre nella liquidazione del mese x ( del trimestre x), l’Iva afferente le fatture di acquisto ricevute e registrate entro il 15 del mese (trimestre) x+1.

Esempio: per la ditta in liquidazione Iva mensile, la fattura datata 30 Novembre 2023 è possibile detrarla nella liquidazione Iva di Novembre 2023 se viene ricevuta tramite lo Sdi entro il 15 Dicembre 2023 (altrimenti l’Iva si può detrarre comunque nel mese di Dicembre).

A cavallo dell’anno, l’Iva afferente le fatture di acquisto datate Dicembre 2023 ma ricevute a Gennaio 2024 è detraibile a partire dalla liquidazione Iva di Gennaio (o 1° trimestre) 2024.

Esempio: per la ditta in liquidazione Iva trimestrale, la fattura datata 31 Dicembre 2023 ma ricevuta (tramite lo Sdi) il 01 Gennaio 2024 è possibile detrarla a partire dalla liquidazione Iva del 1° trimestre 2024.

Per ulteriori informazioni, Vi consigliamo di approfondire la normativa in vigore.

.

 

Apertura nuovo Anno contabile 2024 e Chiusura/Apertura Magazzino

Con l'arrivo del nuovo anno, si presenta la necessità di aprire il nuovo anno, per iniziare le nuove rilevazioni,  e tenere in linea il vecchio anno per poter procedere con la chiusura dei conti.

Inoltre, per chi gestisce il magazzino, si presenta la necessità di chiudere il vecchio anno e procedere con l'apertura del nuovo anno nel modulo magazzino.

Scarica e consulta la dispensa allegata per poter procedere regolarmente con l'apertura del nuovo anno contabile.

Acconti di Novembre - II Rata Redditi

Acconti di Novembre - II Rata Redditi

Si riepilogano le modalità di determinazione e i termini di versamento della seconda/unica rata dell’acconto 2023 ed abilitazione della Delega F24 delle imposte relative ai redditi 2023, che dovranno essere dichiarati nel Modello Redditi/IRAP 2024.

Riferimenti

  • Art. 4 del DL nr.145 art.4 del 18/10/2023
  • Istruzioni Modello Redditi 2023
  • Istruzioni Modello IRAP 2023

In sintesi
Vi sono due modalità con la quale è possibile determinare l'importo dovuto come acconto IRPEF ed IRES per il 2023:

Metodo storico.: è determinato in base alle modalità e alle percentuali stabilite per ogni singola imposta, come riportato nelle istruzioni ministeriali, sulla base dell'imposta 2022 evidenziata:

  • a rigo “Differenza” o “IRES dovuta o differenza a favore del contribuente” del quadro RN del mod. REDDITI 2023;
  • a rigo “Totale imposta” del quadro IR del mod. IRAP 2023.

Metodo previsionale.: se si presume di conseguire un reddito e quindi un’imposta 2023 inferiore rispetto al 2022, è possibile effettuare un versamento inferiore (rispetto a quello risultante con il metodo storico) ovvero non effettuare alcun versamento.
NB: se la previsione in base alla quale si è versato l’acconto risultasse errata (versamento inferiore a quanto dovuto in base al reddito effettivamente conseguito nel 2023) è applicabile la sanzione per insufficiente versamento pari al 30%.

Versamenti in acconto soggetti ISA
Il D.L. 124/2019 (art.58) e la Ris.93 del 12/11/2019 ha rideterminato le modalità di versamento degli acconti a favore dei soggetti esercenti attività per le quali sono stati approvati gli ISA, l’acconto IRPEF/IRES/IRAP prevedendo 2 rate di pari importo, ossia del 50% ciascuna. La disposizione è applicabile anche ai soci/associati/collaboratori familiari/società trasparenti, all'imposta sostitutiva dovuta dai minimi/ forfetari, nonché alla cedolare secca sul canone di locazione, all'IVIE e all'IVAFE.
Dal periodo di imposta 2020, quindi, a seconda della tipologia d'imposta e del tipo di soggetto tenuto al versamento, occorre distinguere due modalità di calcolo dell'acconto dell'imposta:

  • l'acconto dei soggetti senza ISA, dovuto nella misura del 40% prima rata e del 60% seconda rata;
  • l'acconto dei soggetti con ISA, dovuto secondo le nuove regole nella misura del 50% prima rata e del 50% seconda rata.

Entro il 30/11/2023 il versamento della seconda rata o in unica soluzione a seconda dell'importo dell'imposta dovuta.

 

Dichiarazione 2023 soggetti ISA: rateizzazione imposte e calendario delle scadenze

Come noto, con la conversione in legge del D.L. 51/2023 (c.d. “Decreto Omnibus”) è stata ufficializzata la proroga, per professionisti e imprese di minori dimensioni che esercitano attività per le quali sono approvati gli Indici Sintetici di Affidabilità fiscale (ISA), dei termini dei versamenti delle somme risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA, in scadenza al 30 giugno 2023, che potranno così essere effettuati:

  • entro il 20 luglio 2023 senza alcuna maggiorazione
  • oppure entro il 31 luglio 2023, applicando una maggiorazione dello 0.40%

I versamenti interessati dalla proroga sono quelli relativi a:

  • saldo IRPEF / IRES / IVA 2022
  • acconto 2023 IRPEF / IRES
  • addizionali IRPEF;
  • contributi previdenziali (IVS, Gestione separata INPS);
  • cedolare secca;
  • acconto del 20% per i redditi a tassazione separata;
  • IVIE / IVAFE;
  • Diritto CCIAA.

I contribuenti che possono beneficiare del differimento dei versamenti sono:

  • i soggetti che applicano gli indici sintetici di affidabilità fiscale o che presentano cause di esclusione o di inapplicabilità dagli stessi,
  • i soggetti che applicano il regime forfetario,
  • i soggetti che adottano il regime di vantaggio previsto per incentivare l’imprenditoria giovanile,
  • i soggetti che partecipano a società, associazioni e imprese.

In una recente FAQ, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato due utili tabelle riepilogative del piano di rateazione (che allego in calce al presente articolo) delle imposte risultanti dalla dichiarazione dei redditi 2023, per i contribuenti ISA che hanno scelto di beneficiare della proroga e optato per la rateizzazione.

Ci preme ricordare che i non titolari di Partita IVA, ad esempio i soci di società, associazioni e/o imprese, per le quali sono stati approvati dli Indici Sintetici di Affidabilità, rientrano nella proroga, ma non possono usufruire delle stesse date di rateizzazione dell'impresa di cui sono soci. In questo caso, per i non titolari di P.I., le rate che possono essere sviluppate sono pari a 6 e a luglio dovranno essere versate obbligatoriamente 2 rate. Qualsiasi altra rateizzazione, che vorrà essere  adottata, dovrà essere fatta manualmente dall'utente, forzando la proposta della procedura.

Specifica date versamento imposte soggetti ISA titolari di P.I.

 Rata Versam interessi. % Versam Interessi %
 1^  20/07  0,00 31/07 0,00
2^ 21/08 0,29 21/08 0,18
3^ 18/09 0,62 18/09 0,51
4^  16/10 0,95 16/10  0,84
5^ 16/11 1,28 16/11 1,17

 Specifica date versamento imposte soggetti ISA NON titolari di P.I.

 Rata Versam interessi. % Versam Interessi %
 1^ 20/07 0,00 31/07 0,00
2^ 31/07 0,11 31/07 0,00
3^ 31/08 0,44 31/08 0,33
4^ 02/10 0,77 02/10 0,66
5^ 31/10 1,10 31/10 0,99
6^ 30/11 1,43 30/11 1.32

Genya Bilancio vs TuttoBilancio

GenBil2

 

Con Genya Bilancio

  • più produttività con la gestione delle attività contabili e fiscali,
  • più velocità grazie ad una comprovata riduzione dei tempi nella condivisione di report e documenti,
  • più tempo da dedicare alla consulenza strategica.

 

Scarica la brochure e che mette a raffronto i due prodotti WKI: Genya Bilancio e TuttoBilancio così da mettere a fuoco le potenzialità della soluzione Genya Bilancio.

Sottoscrivi questo feed RSS

MEM Informatica srlMEM Informatica srl

MEM Informatica S.r.l.
P. IVA: 00920000916
Iscritta al Reg. Imprese di Nuoro n. 00920000916 [REA n. 55741]
Orario di lavoro
Lunedì - Venerdì
 8:30 / 13:00
14:30 / 18:00
Sabato
Chiuso
Domenica
Chiuso
Contatti
Tel
+39 0784 26 20 99
+39 0784 26 01 15
+39 070 773 71 59
Fax
+39 0784 26 21 07
Nuoro (NU)
Nuoro, 08100
Via Pasquale Dessanay, 27
Cagliari (CA)
Cagliari, 09100
Via Giovanni Battista Tuveri, 13
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.